Il cervello invecchia con l'età? Sembra di no

Il cervello invecchia con l'età? Sembra di no

L'invecchiamento del cervello si può invertire, stimolando le cellule ''pigre'' a generare nuovi neuroni. E' quanto emerge da uno studio condotto dal Max Planck Institute of Immunobiology di Friburgo e coordinato da Verdon Taylor. Per arrivare a queste conclusioni i ricercatori hanno utilizzato topi da laboratorio,  individuando la presenza di varie popolazioni di cellule staminali nei pressi dell'ippocampo, l'area di fondamentale importanza per l'apprendimento e la memoria.

 

I ricercatori hanno trovato due popolazioni di staminali in parte attive ed in parte in letargo. Ed hanno appurato che l'attività fisica o attacchi epilettici sono tra gli stimoli che possono risvegliare le staminali. Gli scienziati tedeschi hanno scoperto che i topi fisicamente attivi sviluppano i neuroni nell'ippocampo in più rispetto agli animali inattivi. "Nei topi giovani, le cellule staminali si dividono quattro volte piu' frequentemente che negli animali vecchi", ha affermato Taylor.

 

Tuttavia, ha aggiunto il ricercatore, il numero di cellule negli animali più vecchi è solo leggermente inferiore. Pertanto, le cellule staminali neuronali non scompaiono con l'età, ma sono tenute "in riserva". Gli scienziati hanno verificato come nei topi fisicamente attivi, alcune cellule staminali precedentemente dormienti sono "ritornate in vita", iniziando a dividersi. Altre cellule staminali sporadicamente dormienti sono state influenzate dall'attività fisica ma svegliate da crisi epilettiche.

 

Secondo i ricercatori, un modello simile di cellule staminali attive e inattive probabilmente vale anche per il cervello umano, secondo gli scienziati. E' probabile che le cellule staminali dormienti potrebbero essere riattivate negli esseri umani allo stesso modo dei topi. Lo studio è stato pubblicato su Cell Stem Cell.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -