Il Csm: norma blocca-processi ''amnistia occulta''

Il Csm: norma blocca-processi ''amnistia occulta''

Il Csm: norma blocca-processi ''amnistia occulta''

La norma che sospende i processi per i reati puniti con meno di dieci anni di reclusione "viola l'articolo 111 della Costituzione, ossia il principio della ragionevole durata dei processi". E' quanto è scritto nella bozza di parere al dl sicurezza e in particolare all'emendamento sulla sospensione dei processi presentata alla sesta commissione del Csm dai relatori Livio Pepino (Md) e Fabio Roia (Unicost). C'è "una sorta di amnistia occulta", continua il documento.

 

"Farà fermare oltre la metà dei processi in corso - scrivono i relatori - e riguarderà un numero ingente di dibattimenti, secondo alcune stime più della metà di quelli in corso". La norma presenta "profili di irragionevolezza". Nel testo si evidenzia che lo spartiacque temporale tra i processi che devono essere sospesi e quelli che devono invece proseguire e' "casuale e arbitrario". Per i  consiglieri di palazzo dei Marescialli la norma rischia di provocare "effetti gravemente negativi" sulla funzionalità del servizio giustizia.

 

LE REAZIONI - ''La divulgazione alla stampa di una prima bozza del parere, attualmente in discussione in Sesta Commissione e dunque non pubblico, sul decreto legge contenente 'misure urgenti in materia di sicurezza pubblica' ha il solo effetto di produrre confusione - essendo il testo del tutto provvisorio - e di turbare la serenita' dei lavori del Consiglio, impegnato, coerentemente con le proprie attribuzioni, in una doverosa e rispettosa interlocuzione con il Ministro della Giustizia e il Parlamento''. Lo affermano, in seguito alle indiscrezioni di stampa sui lavori della Sesta Commissione del Csm, il presidente Prof. Mauro Volpi e i Consiglieri Dott. Livio Pepino e Dott. Fabio Roia, relatori designati per la redazione del parere sul decreto sicurezza.

 

'C'e' un clima pesante che non giova ad un confronto sereno: la bozza del Csm, cosi' come trapela, lascia perplessi e preoccupa non poco. Sarebbe opportuno, appunto per non estremizzare del tutto la situazione, che questa bozza risulti infondata nei suoi punti cardini'', ha affermato il segretario della Dca-PdL, Gianfranco Rotondi.

 

Sarebbe interessante'', per il sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano, ''sapere dai relatori della bozza di parere del Csm sulla norma che sospende alcuni processi penali: se e' conforme alla 'ragionevole durata dei processi' che, come loro dicono, la meta' dei giudizi ancora in primo grado riguardi fatti commessi oltre sei anni fa; se e quali iniziative, proprio in ossequio al principio della 'ragionevole durata dei processi', sono state adottate nei confronti dei magistrati responsabili della omessa definizione, in primo grado, di giudizi per fatti cosi' remoti; in che modo si e' arrivati alla stima della meta' dei processi che verrebbero sospesi''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -