Il Dalai Lama accusa la Cina: ''Uccisi 140 tibetani''

Il Dalai Lama accusa la Cina: ''Uccisi 140 tibetani''

Il Dalai Lama accusa la Cina: ''Uccisi 140 tibetani''

PARIGI - Dura accusa del Dalai Lama all'esercito cinese. Il leader spirituale buddista ha dichiarato in un'intervista a "Le Monde" (sul numero di giovedì pomeriggio) che i militari hanno "sparato sulla folla" il 18 agosto scorso  nella regione di Kham, nell'est del Tibet, uccidendo 140 tibetani. La cifra, ha precisato, "deve esser confermata". Il Dalai Lama si trova in visita a Parigi e venerdì probabilmente incontrerà diversi membri del governo francese.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L'esercito cinese ha nuovamente aperto il fuoco sulla folla il 18 agosto nella regione di Kham, nell'est del Tibet'', ha detto il leader spirituale. "140 tibetani sarebbero stati uccisi, ma la cifra deve essere confermata".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -