Il Papa è ''offeso'', la Cina nomina vescovo senza sua approvazione

Il Papa è ''offeso'', la Cina nomina vescovo senza sua approvazione

Il Papa è ''offeso'', la Cina nomina vescovo senza sua approvazione

ROMA - Il 20 novembre novembre il governo di Pechino ha infatti ordinato il vescovo Giuseppe Guo Jincai senza l'approvazione del Papa. La nomina Giuseppe Guo Jincai, avvenuta nella chiesa di Pingquan a Chengde, città della provincia dell'Hebei, ha spiegato la Santa Sede in una nota, è avvenuta "unilateralmente", evidenziando la "grave violazione della libertà di religione e di coscienza" decisa dalle autorità. Il Papa ha appreso la notizia "con profondo rammarico".

 

"Tale pretesa di mettersi al di sopra dei vescovi e di guidare la vita della comunità ecclesiale non corrisponde alla dottrina cattolica, offende il Santo Padre, la Chiesa in Cina e la Chiesa universale, e rende più intricate le difficoltà pastorali esistenti", evidenzia il Vaticano. "La Santa Sede - continua la nota - si riserva di valutare approfonditamente l'accaduto, tra l'altro sotto il profilo della validità e per quanto riguarda la posizione canonica dei vescovi coinvolti".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -