Imitano 'Mortal Kombat', uccidono una bambina

Imitano 'Mortal Kombat', uccidono una bambina

JOHNSTOWN (COLORADO) – Volevano imitare il videogame Mortal Kombat, dando vita ad un tragico gioco concluso con la morte di una bambina di 7 anni. Due adolescenti di 16 e 17 anni, Heather Trujillo e Lamar Roberts, sono stati arrestati con l’accusa di aver ucciso la sorellina di lei, la piccola Zoe Gargia. L’episodio è accaduto a Westminster, in Colorado lo scorso 6 dicembre. La vittima è deceduta in ospedale dopo il tentativo dei medici di strapparla alla morte.

I due giovani erano impegnati a far da baby-sitter alla piccola Zoe. Dopo aver giocato al gioco di arti martiziali, Mortal Kombat, si sono avvicinati alla bambina, cominciando a picchiarla fino a quando non ha smesso di respirare. I ragazzini hanno cercato di rianimarla buttandole dell’acqua a dosso e tentando la respirazione a bocca a bocca.

Sul posto sono intervenuti i medici che hanno fatto il possibile per salvare la vita della bambina, ma inutilmente. L’autopsia ha messo in luce come Zoe avesse accusato numerose emorragie interne, la rottura di un polso e una tumefazione al cranio. I due ora rischiano fino a 48 anni di carcere.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -