Immigrati, Governo battuto alla Camera

Immigrati, Governo battuto alla Camera

ROMA - Governo battuto alla Camera sulla norma, contenuta nel decreto legge sicurezza, che prolungava a 180 giorni il termine entro il quale gli immigrati potevano essere trattenuti nei Centri di identificazione ed espulsione (Cie). A voto segreto, chiesto da Pd, Udc e Idv, è stato infatti approvato l'emendamento soppressivo dell'articolo in questione. La seduta e' stata sospesa per consentire la riunione del Comitato dei nove. Su tutte le furie la Lega Nord.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'Aula ha infatti approvato a scrutinio segreto (232 voti a favore, 225 contrari e 12 astensioni) gli emendamenti identici di Pd e Udc che miravano alla soppressione dell'articolo 5 che aumentava a 180 giorni il tempi di permanenza nei Cpt degli immigrati. La realtrice, Caterina Lussana (Lega Nord) ha chiesto la sospensione immediata dell'esame del provvedimento. Sarebbero 83 i deputati della maggioranza che non hanno votato a favore del governo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -