Immigrati, la Spagna: "L'Italia criminalizza il diverso"

Immigrati, la Spagna: "L'Italia criminalizza il diverso"

Immigrati, la Spagna: "L'Italia criminalizza il diverso"

Nuove accuse all'Italia dal governo spagnolo. Celestino Corbacho, ministro spagnolo del Lavoro e dell'Immigrazione, secondo l'edizione on-line del quotidiano "El Mundo", avrebbe accusato l'Italia di "criminalizzare il diverso, mentre io mi assumo la responsabilità di governare il fenomeno. Un immigrato illegale - è la tesi del ministro - può avere un solo destino, il ritorno al suo Paese, ma nel mezzo bisogna soddisfare tutti i requisiti nel rispetto dei diritti umani".

 

Parole pesanti, che fanno seguito all'ennesima accusa mossa sabato dal ministro per le riforme italiano, Umberto Bossi, che aveva detto agli spagnoli di essere i primi a "sparare" contro gli immigrati.

 

Diego Lopez Garrido, segretario di Stato agli Affari Europei del governo Zapatero ha tentato di smorzare le parole del collega Corbacho, affermando: "Non c'è nessuno scontro con il governo italiano sulla questione dell'immigrazione". Segnali di distensione dall'Italia arrivano per bocca del ministro degli Esteri, Franco Frattini: "Sono sicuro che il presidente Zapatero saprà porre fine a dichiarazioni individuali ed estemporanee che non rispecchiano la linea di forte collaborazione che ha dichiarato di voler mantenere con l'Italia".

Commenti (1)

  • Avatar anonimo di Uomo Libero
    Uomo Libero

    What Bossi should tell the Spaniards: "Given your love of immigration and diversity, you will no doubt be delighted to receive in Spain all of the illegal immigrants we intend to deport from Italy. Perhaps you would even be so enthusiastic as to pay the costs of their transportation??"

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -