Immigrazione, Berlusconi: ''La Francia è più impegnata dell'Italia''

Immigrazione, Berlusconi: ''La Francia è più impegnata dell'Italia''

Immigrazione, Berlusconi: ''La Francia è più impegnata dell'Italia''

ROMA - Con la Francia c'è una perfetta identità di vedute per quanto concerne la questione dell'immigrazione. Lo ha evidenziato il premier Silvio Berlusconi al termine del vertice con Nicolas Sarkozy, evidenziando che lo sforzo di Parigi nell'affrontare questa emergenza "è cinque volte superiore a quello dell'Italia. La Francia ogni anno accoglie 50 mila migranti. L'Italia una media di 10 mila. Da parte nostra non c'è nessuna volontà di accusare la Francia" di inadempienze.

 

Berlusconi ha evidenziato che nessuno "vuole negare" e abolire l'accordo di Schengen, ma ha rimarcato che "in circostanze eccezionali debbano esserci variazioni a cui abbiamo deciso di lavorare insieme". "Vogliamo che il trattato di Schengen viva, ma perché viva deve essere riformato", gli ha fatto eco Sarkozy. Quanto alla missione in Libia, il Cavaliere ha spiegato che l'Italia si impegnerà solo in lanci di precisione su obiettivi militari.

 

Il premier ha detto di poter "escludere con certezza" la possibilità di "provocare danni alla popolazione civile", aggiungendo che la decisione "è il seguito logico della decisione Onu", alla quale "abbiamo sentito di non doverci sottrarre perché riteniamo che di questo nostro intervento c'è bisogno". Sulla Libia "lavoreremo mano nella mano, il nostro accordo è totale", ha sottolineato Sarkozy.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -