Immigrazione, il sottosegretario Mantovano si dimette

Immigrazione, il sottosegretario Mantovano si dimette

Immigrazione, il sottosegretario Mantovano si dimette

ROMA - Il sottosegretario all'Interno Alfredo Mantovano ha deciso di rassegnare le dimissioni, in polemica con la gestione della politica dell'immigrazione del governo, in particolare in relazione alla gestione della tendopoli di Manduria. Il coordinatore del Pdl, Ignazio La Russa, ha espresso la speranza "che siano dimissioni simboliche, che siano dimissioni di denuncia". "Mantovano - ha aggiunto - è la persona più adatta a valutare l'eccessivo numero di immigrati".

 

La scelta di abbandonare è stata presa dopo la notizia che la prima nave passeggeri che trasferirà gli immigrati da Lampedusa porterà a Taranto, e poi a Manduria, oltre 1.400 persone. Ad oggi risultano essere oltre 1.300 e con il nuovo arrivo si raggiungerebbe già quota 2.700. Una scelta analoga è stata presa anche dal sindaco della cittadina pugliese, Paolo Tommasino, del Pdl.

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il primo cittadino ha deciso di consegnare la sua rinuncia alla fascia di sindaco direttamente nelle mani dello stesso Mantovano. Il sindaco si trovava a Roma per incontrare il ministro dell'Interno, Roberto Maroni, proprio per discutere dei problemi legati alla presenza sul territorio della tendopoli per immigrati.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -