Inchiesta Trani, la Rai chiede gli atti

Inchiesta Trani, la Rai chiede gli atti

Inchiesta Trani, la Rai chiede gli atti

ROMA - Il Consiglio d'Amministrazione della Rai chiederà alla procura di Trani gli atti dell'inchiesta sulla vicenda che ha coinvolto l'Agcom e Viale Mazzini. In base all'analisi delle carte, si valuterà se aprire eventuali procedure di audit (indagine interna) a carico del direttore generale Mauro Masi e del direttore del Tg1 Augusto Minzolini. "Per me contano gli atti e i fatti aziendali - ha affermato Masi -. Per me contato gli atti ed i fatti aziendali".

 

Masi ha chiarito si essersi "sempre comportato nel pieno rispetto delle regole", mandando "in onda tutte le trasmissioni cercando soltanto di garantire la loro conformità alle normative vigenti" e cercando "di garantire il massimo del pluralismo e dell'equilibrio nell'informazione". Masi ha ottenuto la fiducia da parte della maggioranza del Cda.

 

Polemico il consigliere Nino Rizzo Nervo, secondo il quale la decisione del Cda lascia "sbigottiti e sconcertati".

"Di fronte a una vicenda che ha riempito le cronache dei giornali e ha ferito l'immagine del servizio pubblico sollevando dubbi sull'indipendenza e l'autonomia del direttore generale - ha affermato Rizzo Nervo - non è stata tenuta in alcun conto la prassi aziendale in casi simili, cioè di aprire con tempestività un'indagine interna, e si è deciso in sostanza di prender tempo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -