Inchiesta "Why Not", interviene Napolitano: chiesti gli atti

Inchiesta "Why Not", interviene Napolitano: chiesti gli atti

Inchiesta "Why Not", interviene Napolitano: chiesti gli atti

Sull'inchiesta "Why Not" interviene la massima autorità del nostro paese: il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. Attraverso il segretario Donato Marra, il capo dello stato ha richiesto al Procuratore Generale presso la Corte di appello di Salerno, Lucio Di Pietro, "la urgente trasmissione di ogni notizia e, di ogni atto utile a meglio conoscere una vicenda senza precedenti, che, prescindendo da qualsiasi profilo di merito, presenta aspetti di eccezionalita'".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Non troppo entusiastica la risposta di Di Pietro: "Prendiamo atto, con il dovuto rispetto istituzionale, della decisione presa dal capo dello Stato di chiedere informazioni e acquisire atti riguardanti l'inchiesta in corso - ha detto -. Cio' non ci esime, pero', dall'esprimere riserve circa il modo e il tono usato. Con tale decisione si rischia la criminalizzazione preventiva e preconcetta dell'attivita' di indagine che sta svolgendo la Procura di Salerno nei confronti dei colleghi magistrati calabresi e di atti di indagine coperti da segreto istruttorio". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -