Influenza A, Oms: ''Resta la massima allerta''

Influenza A, Oms: ''Resta la massima allerta''

Influenza A, Oms: ''Resta la massima allerta''

ROMA - L'influenza A continua a destare ancora preoccupazioni in diverse aree del pianeta, in particolar modo nell'Africa occidentale. Per questo motivo l'Organizzazione mondiale della sanità considera prematura modificare la fase di allerta della pandemia. Lo ha reso noto Keiji Fukuda, consigliere speciale del direttore generale dell'Oms, Margaret Chan, nel corso di una conferenza stampa.

 

"Dobbiamo tenere gli occhi aperti e monitorare attentamente la situazione - ha dichiarato Fukuda -. In futuro il Comitato di emergenza si riunirà per riesaminare la situazione e, nel caso, rivedere le sue indicazioni". L'attività virale in aree come il Nord America e l'Europa occidentale è in calo, ha annunciato Fukuda, mentre Africa occidentale è in corso "una trasmissione a livello di comunità".

 

Inoltre a pesare sulla decisione dell'Oms è stata la "preoccupazione relativa al fatto che la stagione invernale non è ancora iniziata nell'emisfero Sud, e dunque c'è incertezza sulla possibilità e l'entità di nuove ondate di influenza A/H1N1" in questa parte del pianeta. Il Comitato si riunirà tra qualche settimana per "rivedere la situazione sulla base dei nuovi sviluppi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -