Influenza messicana, prima vittima negli Usa

Influenza messicana, prima vittima negli Usa

Influenza messicana, prima vittima negli Usa

Prima vittima dell'influenza messicana negli Stati Uniti. A perder la vita è stato un bambino di 23 mesi. Fonti governative hanno spiegato che il piccolo è deceduto in Texas, ma recentemente era stato in viaggio in Messico. Negli Usa sono 65 i casi accertati: la California ha proclamato lo stato d'emergenza, mentre il presidente Barack Obama ha chiesto al Congresso un miliardo e mezzo di dollari per fronteggiare la situazione. L'Oms mantiene il grado di allerta a 4.

 

Le autorità sanitarie hanno ridotto a 7 il numero delle vittime accertate dell'influenza suina in Messico, mentre sale a 159 il bilancio delle morti sospette e i ricoverati sono oltre 1300, i contagiati 2000. Su scala mondiale i casi accertati sono 105. In Europa il virus ha raggiunto la Germania, con tre persone contagiate, un caso anche in Austria. Confermati due casi in Spagna, mentre nel Regno Unito sono già 5, uno dei quali a Londra. Altri casi sono stati confermati in Canada (6), Nuova Zelanda (3) e Israele (2). La Francia ha sollecitato l'Ue, perché vieti i voli per il Messico.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -