Intercettazioni, Cosentino: ''Mi rimetto all’Aula''

Intercettazioni, Cosentino: ''Mi rimetto all’Aula''

Intercettazioni, Cosentino: ''Mi rimetto all’Aula''

ROMA - "Mi rimetterò all'Aula, senza vincoli di schieramento". Alla vigilia del voto alla Camera sulle sue intercettazioni, l'ex sottosegretario Nicola Cosentino non tradisce preoccupazioni. "Chiederò all'aula di valutare liberamente, anche se quelle intercettazioni sono irrilevanti", ha affermato l'esponente del Pdl, il cui nome è stato tirato in ballo nell'inchiesta della cosiddetta P3. Se la Camera dovesse autorizzare il loro utilizzo io comunque dormirei tranquillamente".

 

Il coordinatore campano non ha ancora deciso se mercoledì riferirà in Aula. Poche ore Cosentino aveva invitato tutte le forze del centrodestra a una maggiore responsabilità perché "è in gioco la governabilità del Paese". Non è pensabile, aveva detto, che dopo aver annunciato la fiducia al discorso che Silvio Berlusconi pronuncerà alla Camera si apra poi "una sorta di guerriglia parlamentare" e, per esempio, "non sarebbero tollerabili smarcamenti" sulla vicenda Cosentino o sul pluralismo in televisione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -