Intercettazioni, il governo pone la fiducia

Intercettazioni, il governo pone la fiducia

Intercettazioni, il governo pone la fiducia

ROMA - Il governo pone la questione di fiducia sul ddl intercettazioni. Lo annuncia il ministro per i Rapporti con il Parlamento Elio Vito tra le proteste dell'opposizione. "Siamo stati autorizzato dal Cdm del 29 maggio scorso", ha evidenziato Vito. La fiducia è su un maxi-emendamento che riassume il contenuto del ddl, alla luce anche delle ultime modifiche presentate dal relatore Roberto Centaro."Il ddl è un primo passo importante", ha affermato il premier Silvio Berlusconi.

 

"Cercheremo di migliorarlo più avanti perché la privacy deve essere garantita da uno Stato di diritto", ha aggiunto durante l'intervento all'assemblea di Confartigianato. "La presidenza prende atto con rammarico" dell'ostruzionismo dell'opposizione sul ddl intercettazioni "perchè avrebbe auspicato che la commissione giustizia avesse potuto pronunciarsi nel merito delle proposte emendative", ha affermato in apertura di seduta il presidente del Senato Renato Schifani nell'aula di palazzo Madama.

 

Il nuovo testo prevede 13 modifiche al testo originario. Conclusi i 75 giorni di durata massima delle intercettazioni telefoniche, il pm potrà chiedere una proroga di tre giorni in tre giorni se dovesse avvertire il rischio che si stia per compiere un nuovo reato o se si tratti di una prova fondamentale. Viene fissato in 3 giorni (prorogabili di tre in tre) la durata delle intercettazioni ambientali.

 

Nel testo restano le pene per gli editori, che possono pagare ammende fino a oltre 450 mila euro nel caso pubblichino intercettazioni espunte dal processo o giudicate irrilevanti per il procedimento. Per quanto riguarda la cosiddetta ''norma transitoria'', una volta approvato il disegno di legge entreranno in vigore le sanzioni per giornalisti ed editori.

 

Servirà un anno di tempo per applicare la norma che prevede il semaforo verde  per le intercettazioni da parte del giudice collegiale e non più del gip. Le nuove norme, infine, non dovrebbero essere applicate alle inchieste in corso. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -