Iran, la liberazione di Sakineh è un giallo

Iran, la liberazione di Sakineh è un giallo

Iran, la liberazione di Sakineh è un giallo

TEHERAN - La liberazione di Sakineh Mohammadi Ashtiani, l'iraniana di 43 anni era stata condanna alla lapidazione con l'accusa di adulterio e complicità nell'omicidio del marito è ora un giallo. L'annuncio della sua scarcerazione è arrivato dalla portavoce della Ong tedesca contro la lapidazione, Mina Ahadi. Successivamente però lo stesso comitato, non trovando conferme, ha raffreddato gli entusiasmi. Insomma si attende ancora l'ufficialità della notizia.

 

Dall'Iran infatti non c'è stato alcun annuncio da parte delle autorità. Anche fonti diplomatiche contattate dall'Ansa hanno riferito di non aver raccolto per il momento alcuna conferma. Le autorità iraniane avrebbero deciso inoltre di liberare anche il figlio della donna e il suo avvocato, arrestati lo scorso 11 ottobre durante un'intervista con due giornalisti tedeschi. I due erano stati accusati di spionaggio e per la loro liberazione la Germania aveva esercitato forti pressioni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -