Iraq, Bush a 5 anni dal primo bombardamento: ''E' stata una guerra giusta''

Iraq, Bush a 5 anni dal primo bombardamento: ''E' stata una guerra giusta''

"Rimuovere Saddam Hussein dal potere fu la decisione giusta e questa e' una battaglia che l'America puo' e deve vincere". Con queste parole il presidente americano George W. Bush torna a difendere la scelta della guerra in Iraq, nonostanto il doloroso bilancio di vittime militari e civili tanto tra gli iracheni quantro tra le forze della coalizione. Si stima che i soldati statunitensi caduti in Iraq siano almeno 4mila.


“Nessuno mette in discussione che questa guerra abbia richiesto un costo elevato in vite umane e di risorse, ma si tratta di costi necessari se paragonati a una vittoria strategica dei nostri nemici in Iraq", ha spiegato l’inquilino della Casa Bianca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante siano passati ben cinque anni da quel 19 marzo del 2003 quando la prima bomba americana cadde su Baghdad, oggi la situazione non apparre affatto migliorata in Iraq, dove si susseguono, a ritmo quasi giornaliero, attacchi terroristici contro le forze militari e contro la polizia irachena.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -