Iraq, gli Usa vogliono alzare un muro per proteggere Baghdad

Iraq, gli Usa vogliono alzare un muro per proteggere Baghdad

BAGHDAD – Appello del primo ministro iracheno, Nuri al-Maliki, ha chiesto agli Stati Uniti la sospensione dei lavori per la costruzione di un muro attorno al quartiere sunnita di Adhamiya, nella capitale.


Al-Maliki, che si trovano in visita istituzionale al Cairo, ritiene che la soluzione pensata da Washington non possa avere effetti benefici. “E' una cattiva decisione – ha detto -. Vogliono isolare una zona dall'altra e cosi provocare delle reazioni. Se isoli Ayamizah da Sadr City alimenti la sedizione".


La mente non può che correre all’altro muro eretto in medio oriente, quello edificato da Israele per difendersi dagli attacchi degli estremisti palestinesi. "Finora di muri di cemento se ne erano visti solo tra palestinesi e israeliani – ricorda Al-Maliki -. Loro vogliono separarci per introdurre il bacillo delle lotte settarie. Ma noi siamo iracheni, viviamo insieme da migliaia di anni, e ora vogliono mettere gli uni contro gli altri".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di diversa opinione è il portavoce dell'esercito Usa Mark Fox. "Queste barriere per la sicurezza sono un'iniziativa del governo di Baghdad – ha precisato - e sono state approvate dal governo iracheno. Queste barriere sono scudi temporanei per proteggere la gente irachena dagli attentatori che cercano di far entrare autobombe ne i loro quartieri".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -