Kenya, presidente Kibaki pronto al dialogo a fine violenze

Kenya, presidente Kibaki pronto al dialogo a fine violenze

NAIROBI –Mentre si sta vivendo un’altra giornata di tensione in Kenya, dove in questi giorni le violenze stanno mettendo in ginocchio il paese, dopo l’esito contestato delle elezioni presidenziali di dicembre, il presidente keniano Mwai Kibaki ha lanciato un appello affinché cessassero gli episodi di violenza nel Paese, dicendosi al dialogo politico quando sarà tornata la calma.


Intanto in mattinata, dopo una prima manifestazione tenutasi nelle strade principali di Mombasa, numerosi sostenitori dell'opposizione sono continuati ad affluire nella 'capitale turistica' del paese dove è prevista un'altra marcia del partito democratico ''Arancio'', di Raila Odinga, sconfitto alle elezioni del 27 dicembre. Lo hanno confermato alla Misna fonti locali, secondo cui la situazione in città è calma anche se il corteo di questa mattina ha paralizzato il traffico nella capitale 'turistica' del paese.


Nel frattempo il procuratore generale del Kenya, Amos Waco, si è pronunciato a favore di una riconta dei voti delle contestate elezioni presidenziali del 27 dicembre. "Va intrapreso immediatamente un giusto conteggio delle schede, condotto su basi concordate da una persona o un'organizzazione indipendente", ha detto Waco in una dichiarazione letta in televisione.


Trecento morti, centomila in fuga. La violenza settaria scatenatasi dopo le elezioni che hanno visto la conferma di Mwai Kibaki per un secondo mandato presidenziale in Kenya ha provocato almeno 300 morti e obbligato altre 100 mila persone alla fuga. E' quanto reso noto dalla Croce Rossa locale, mentre la comunita' internazionale preme sui due rivali politici, Kibaki e lo sconfitto Raila Odinga, affinche' pongano fine alla crisi.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -