L'aspirina, un prezioso alleato contro il tumore al seno

L'aspirina, un prezioso alleato contro il tumore al seno

L'aspirina, un prezioso alleato contro il tumore al seno

L'aspirina avrebbe effetti positivi sulla prevenzione del cancro al seno. E' quanto emerge da uno studio condotto dalla Harvard Medical School: la celebre pasticca effervescente ridirebbe la mortalità delle donne che la usano per altre patologie rispetto a quelle che non assumono il farmaco. Nella ricerca condotta sui dati clinici di circa 238mila infermiere è emerso che assumendo dalle 2 alle 5 aspirine a settimane la mortalità era ridotta del 71% e il rischio di ulteriore sviluppo del 60%.

 

Lo stesso effetto sarebbe stato riscontrato anche in seguito all'assunzione di Ibuprofene. I risultati della ricerca, condotta su oltre 4.000 donne tra il 1976 e il 2002, potrebbero avere una significativa importanza clinica, sostengono gli autori. L'uso dell'acido acetilsalicilico ha effetti collaterali molto più lievi rispetto alla chemioterapia. La ricerca dovrà essere sottoposta a verifiche cliniche più approfondite.

 

Gli stessi autori hanno invitato alla prudenza, ricordando, che l'aspirina ed altri anti-infiammatori possono causare effetti collaterali a carico dello stomaco, come ulcere e emorragie. Quindi hanno raccomandato di non assumerla nei primi 12 mesi dopo una diagnosi di cancro al seno, potendo dare effetti indesiderati durante la chemioterapia e la radioterapia.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -