L'immunità è legge: via libera definitivo del Senato

L'immunità è legge: via libera definitivo del Senato

L'immunità è legge: via libera definitivo del Senato

Poco prima dello scoccare delle 20 di martedì, l'immunità per le più alte cariche dello Stato è diventata legge. Mentre il premier Silvio Berlusconi accoglieva a Villa Certosa il presidente egiziano Mubarak, il Senato dava il via libera definitivo alla legge con sospende tutti i processi a carico delle quattro più alte cariche (presidente della Repubblica, del Consiglio, del Senato e della Camera). Il "lodo Alfano" è passato con il sì di 171 senatore, 128 no e 6 astenuti.

 

Secondo l'opposizione si tratta di una legge che il governo ha voluto a tutti costi e in tempi record (solo 72 ore di dibattito tra Camera e Senato) per stoppare il processo che vede Berlusconi imputato per presunta corruzione in atti giudiziari assieme all'avvocato inglese Mills. Questo processo resta sospeso fino alla conclusione del mandato da premier.

 

Il ministro della Giustizia, Angelino Alfano, ha risposto alla critiche affermando che questo provvedimento "non è molto urgente né poco urgente è solo giusto''. Il Guardasigilli ha spiegato che il governo a deciso di farlo "come abbiamo fatto il decreto sulla sicurezza atteso dai cittadini, così come era giusto fare il decreto che ha levato la spazzatura nella città di Napoli, così come era importante fare il decreto sull'abolizione dell'Ici sulla prima casa''. E per la riforma della Giustizia ha dato appuntamento a tutti per l'autunno prossimo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -