L'inchiesta sulla casa di Montecarlo, Giancarlo Tulliani non sarà interrogato

L'inchiesta sulla casa di Montecarlo, Giancarlo Tulliani non sarà interrogato

L'inchiesta sulla casa di Montecarlo, Giancarlo Tulliani non sarà interrogato

ROMA - La Procura di Roma non interrogherà Giancarlo Tulliani, il fratello della compagna del presidente della Camera Gianfranco Fini nell'ambito dell'inchiesta sulla vendita dell'appartamento di Montecarlo appartenuto ad Alleanza Nazionale. I magistrati puntano ad accertare il prezzo della vendita dell'immobile di boulevard Princesse Charlotte e che "nulla è cambiato" dopo il videomessaggio di sabato scorso del leader di Montecitorio. Si indaga per truffa aggravata.

La vicenda riguarda un appartamento di Montecarlo ceduto ad An da una nobildonna, la contessa Anna Maria Colleoni, venduta poi a una società offshore e finita in affitto dopo essere ad un'altra società a Giancarlo Tulliani. L'inchiesta, affidata al procuratore Giuseppe Ferrara e all'aggiunto Pier Filippo Laviani, ha mosso i primi passi dopo una querela da parte di Marco Di Andrea e Roberto Buonasorte, militanti del partito "La Destra" di Francesco Storace.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -