Legge stabilità, evitato un taglio di risorse di oltre mezzo miliardo di euro

“Le risorse da tagliare sono di 61 milioni, a fronte dei 570 che erano stati ipotizzati con la legge di stabilità 2015 - commenta l’assessore regionale al Bilancio Emma Petitti -. Siamo soddisfatti per il risultato che abbiamo ottenuto"

 Un accordo grazie al quale la Regione Emilia-Romagna ha evitato un taglio di risorse di oltre mezzo miliardo di euro. Questo il risultato dell’intesa raggiunta con il Governo in sede di Conferenza Stato-Regioni, che ha permesso di contenere i tagli imposti dalla legge di stabilità.
“Le risorse da tagliare sono di 61 milioni, a fronte dei 570 che erano stati ipotizzati con la legge di stabilità 2015 - commenta l’assessore regionale al Bilancio Emma Petitti -. Siamo soddisfatti per il risultato che abbiamo ottenuto. Il rischio era quello di dover far fronte a tagli che sarebbero stati insostenibili”.

L’accordo permette di salvaguardare anche le politiche sociali, che saranno interamente confermate nel loro ammontare rispetto al 2014. “A fronte della riduzione dei tagli ottenuti dalla Regione - sottolinea Petitti - ci siamo impegnati a mettere a disposizione dei Comuni e delle Province maggiori spazi finanziari, che ammontano a 80 milioni di euro. Con queste risorse gli Enti locali potranno accelerare i pagamenti alle imprese per le opere pubbliche già realizzate”. Il taglio, conclude l’assessore, è coerente con le possibilità di risparmio della Regione: "Verranno immediatamente ridotte spese per 20 milioni di euro grazie all’approvazione imminente del bilancio, che deve avvenire entro il 30 aprile ma che Giunta e Assemblea si sono impegnate ad approvare in tempi più ristretti. Per i restanti 41 milioni indicheremo successivamente al Governo dove incidere tra i fondi trasferiti dallo Stato”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -