Liberati i quattro giornalisti italiani rapiti in Libia: sparatoria davanti all'hotel

Liberati i quattro giornalisti italiani rapiti in Libia: sparatoria davanti all'hotel

Liberati i quattro giornalisti italiani rapiti in Libia: sparatoria davanti all'hotel

Sono stati rilasciati i quattro giornalisti italiani che erano nelle mani di un gruppo di lealisti di Gheddafi in Libia.  Si tratta di Domenico Quirico de La Stampa, Elisabetta Rosaspina e Giuseppe Sarcina del Corriere della Sera e Claudio Monici di Avvenire.

 

La notizia è stata prima lanciata del Corriere della Sera sul proprio sito web (due dei quattro reporter lavorano per il quotidiano di via Solferino) e poi confermata ufficialmente direttamente del presidente del consiglio, Silvio Berlusconi.

 

''Abbiamo avuto la conferma della liberazione dei quattro giornalisti che si trovavano in un appartamento a Tripoli, consideriamo questo fatto di buon auspicio per il futuro'', ha detto il premier che oggi ha incontrato a Roma il primo ministro del Consiglio Nazionale Transitorio libico, Mahmud Jibril.

 

Dopo la liberazione avvenuta con un blitz (e la stretta connessione con i servizi segreti italiani) nella casa dove erano tenuti prigionieri, i quattro sono stati portati nell'hotel Corinthia, dove dopo un po' si è verificata una lunga sparatoria.

 

Nel frattempo la La procura di Roma ha deciso di aprire un'inchiesta sul rapimento dei quattro giornalisti italiani. Il fascicolo riguarda i reati di sequestro di persona con finalità di terrorismo e rapina. Gli accertamenti sono stati affidati ai Carabinieri e alla Digos.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -