Libia a ferro e fuoco, Gheddafi asserragliato nel bunker a Tripoli

Libia a ferro e fuoco, Gheddafi asserragliato nel bunker a Tripoli

Libia a ferro e fuoco, Gheddafi asserragliato nel bunker a Tripoli

Gheddafi è asseragliato nel suo bunker a Tripoli per ‘difendersi' dalle rivolte di piazza scoppiate nelle principali città della Libia. Ormai la capitale sembra essere l'unica città in cui il collonnello che tiene il comando del paese da ormai 40 anni riesce ancora ad esercitare una qualche influenza. E la resistenza del leader libico sembra destinata a proseguire visto che stanno arrivando a Tripoli anche miliaziani africani (probabilmente mercenari) per dare manforte a Gheddafi.

 

Il fiume di sangue che ha iniziato a scorrere in queste settimane quando sono cominciate le repressioni da parte del regime, sembra destinato ad ingrossarsi ancora di più. Dopo Bengasi e Tripoli ora lo scontro è Zawia. "Le milizie del regime stanno bombardando Zawia - riferisce l'agenzia Ansa citando foti locali -, la stanno massacrando, la gente sta morendo".

 

La città al centro dei bombardamenti si trova a 50km a ovest dalla capitale, dove c'è stato anche un lancio di missili anti-aereo che avrebbero colpito anche moschea e minareto. Gheddafi, secondo quanto viene confermato dalle emittente libiche, si troverebbe arroccato a Tripoli, nel bunker di Bab al-Aziziya. L'intera capitale è stata isolata dal resto del paese con un ‘cordone' composto da forze militari che cingono il leader Gheddafi nel tentativo di difenderlo dalla rivolta.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -