Libia, gli insorti conquistano l'aeroporto di Sirte

Libia, gli insorti conquistano l'aeroporto di Sirte

Libia, gli insorti conquistano l'aeroporto di Sirte

L'aeroporto di Sirte nelle mani degli insorti. Dopo una settimana di combattimenti, con l'appoggio dei caccia della Nato, le forze del governo ad interim libico hanno avuto la meglio sui fedeli di Muammar Gheddafi. Nel frattempo L'Interpol ha emesso un mandato d'arresto per Saadi Gheddafi, il 38enne terzogenito del Colonnello, che aveva anche giocato per un breve periodo in Serie A nel Perugia e nell'Udinese, accusato di crimini quando era alla guida della federcalcio libica.

 

Le nuove autorità libiche ritengono che sia rifugiato in Niger, per "appropriazione indebita" e "intimidazione armata". Inoltre, "in quanto comandante di unità militari sospettate di coinvolgimento nella repressione di manifestazioni di civili durante le rivolte in Libia, è anche soggetto a un divieto di viaggio da parte delle Nazioni Unite e al congelamento dei beni".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -