Libia, il rais: ''Complotto colonialista''

Libia, il rais: ''Complotto colonialista''

Libia, il rais: ''Complotto colonialista''

TRIPOLI - La tensione in Libia? "E' il frutto di un complotto ordito dagli Usa, dalla Gran Bretagna e della Francia per mettere le mani sul petrolio". E' questa l'opinione del Muammar Gheddafi nel corso di un discorso che ha tenuto alle tribù della città di al-Zintan. Secondo il rais i ribelli che lottano contro il governo hanno ricevuto il lavaggio del cervello da parte di Al Qaeda. Molti dei combattenti, ha aggiunto il leader libico, sono "molto giovani".

 

Dopo i ripetuti attacchi sull'est controllato dai ribelli, si moltiplicano nel frattempo gli appelli all'applicazione di una "no fly zone" sui cieli libici. Martedì il presidente americano Barack Obama e il premier britannico David Cameron hanno ribadito che una no-fly zone in Libia è fra le misure allo studio da parte dei due Paesi e dei loro alleati. La decisione, ha poi sostenuto il segretario di stato americano Hillaru Clinton, deve esser condivisa da tutti e che non sia uno sforzo solo statunitense.

 

Secondo Clinton, l'idea di una interdizione al volo in libia "proviene dall'interno" del paese nordafricano "non dall'esterno". "Non arriva da alcuni paesi occidentali o dai paesi del golfo che dicono: 'dovete fare così'", ha insistito. "Penso che questa decisione" sulla 'no fly zone' "debba essere presa dall'Onu", ha chiarito ancora il segretario di Stato Usa.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -