Libia, intensi raid della Nato. Il regime: ''Tre morti''

Libia, intensi raid della Nato. Il regime: ''Tre morti''

Libia, intensi raid della Nato. Il regime: ''Tre morti''

TRIPOLI - Continuano i raid della Nato in Libia. Nel mirino dei caccia è finita la zona di Bab al-Aziziya, quartier generale del leader libico Muammar Gheddafi, dove sono state udite una quindicina di esplosioni. Secondo il regime, il bilancio delle incursioni è di tre morti e 150 feriti. La serie di bombardamenti seguono l'annuncio di Francia e Gran Bretagna di aver messo a disposizione della coalizione elicotteri da combattimento.

 

I cronisti presenti sul posto ha giudicato i bombardamenti della nottata tra martedì e mercoledì come i più intensi lanciati dall'inizio delle operazioni della Nato, a fine marzo, contro il regime di Gheddafi. In un comunicato, l'Alleanza Atlantica ha fatto sapere che i bombardamenti hanno colpito un deposito di veicoli usati dal regime per "effettuare attacchi sui civili".

 

Secondo il portavoce del governo, Moussa Ibrahim, la Nato ha lanciato "tra 12 e 18 incursioni contro una caserma della guardia popolare", volontari che appoggiano l'esercito. "La caserma era vuota, la maggioranza delle vittime sono civili che abitano nelle vicinanze".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -