Libia, mandato d'arresto internazionale per Gheddafi

Libia, mandato d'arresto internazionale per Gheddafi

Libia, mandato d'arresto internazionale per Gheddafi

TRIPOLO - La Corte penale internazionale ha emesso un mandato d'arresto per il leader libico Muammar Gheddafi con l'accusa di "crimini contro l'umanità", commessi in Libia dopo il 15 febbraio. I sei giudici della Cpi dell'Aja hanno accolto la richiesta del procuratore Louis Moreno Ocampo. Analogo provvedimento a carico del figlio Seif al Islam e del capo dei servizi segreti Abdellah Senussi, per omicidio e persecuzione, reati perpetrati dall'inizio delle rivolte.

In teoria il Colonnello e i suoi accoliti dovranno essere arrestati se si recheranno in uno dei 116 Paesi che hanno sottoscritto il Trattato di Roma il 17 luglio 1988 costitutivo della Cpi. Secondo il procuratore Ocampo, l'arresto di Gheddafi potrebbe avvenire entro l'anno.

 

"I crimini contro l'umanità sono evidenti, questo rende ancora più urgente trovare una soluzione politica che senza Gheddafi al potere restituisca alla Libia una prospettiva di sviluppo", ha commentato il ministro degli Esteri Franco Frattini.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -