Libia, Napolitano: "L'Europa parli con una sola voce nel Mediterraneo"

Libia, Napolitano: "L'Europa parli con una sola voce nel Mediterraneo"

Libia, Napolitano: "L'Europa parli con una sola voce nel Mediterraneo"

"Si impone pertanto l'immediata cessazione delle violenze e l'avvio di un nuovo corso - nella libertà - per aprire al popolo libico la prospettiva di un futuro migliore". Lo dice il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in una lunga e interessante intervista rilasciata a "La Stampa" in cui analizza la situazione in Libia. Il capo dello Stato non esita anche a stimolare l'Europa a fare di più e meglio, soprattutto nel bacino del Mediterraneo, dove si fatica a parlare con una voce sola.

 

"Credo che l'Europa, negli anni passati, sia stata un po' disattenta nei confronti degli sviluppi nel Nordafrica - fa notare Napolitano nell'intervista al quotidiano torinese -. Abbiamo sottovalutato l'aggravarsi dei problemi di larghe masse popolari. Ora, l'Europa deve adoperarsi decisamente a trovare una linea comune, una politica mediterranea comune".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per Napolitano, europeista convinto, questo è il momento in cui l'Europa deve prendere in mano il proprio destino ed irrobustirsi per non cadere nel baratro. "O l'Europa diventerà un global player - dice il presidente rispnodendo alla domanda se il vecchio continente abbia o meno la potenzialità per diventare un attore globale - o cade nell'irrilevanza. Non esiste un qualsiasi Paese europeo che, da solo, possa assumere, in futuro, un ruolo sulla scena della politica globale. Abbiamo da un lato potenze emergenti come il Brasile, l'India e la Cina, e dall'altro grandi protagonisti storici come gli Usa. Solo se noi europei parliamo con una sola voce peseremo nella politica globale. Altrimenti rischiamo di scivolare ai margini della politica globale". 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -