Libia, Parigi: ''Intesa con Londra per soluzione diplomatica''

Libia, Parigi: ''Intesa con Londra per soluzione diplomatica''

Libia, Parigi: ''Intesa con Londra per soluzione diplomatica''

ROMA - Francia e Gran Bretagna stanno preparando "una soluzione politica e diplomatica" per la Libia. E' quanto ha annunciato il presidente francese Nicolas Sarkozy al termine del vertice Ue. La proposta sarà avanzata martedì al vertice di Londra, quando sarà definito il passaggio alla Nato della guida e del coordinamento delle operazioni militari. Da quel giorno il comando operativo passerà all'Alleanza. La Francia insiste per un coordinamento politico dell'intera operazione.

 

Il presidente francese nel vertice Ue ha insistito sul fatto che l'aspetto fondamentale della missione è quello di avere una "guida politica", perché "non sono le forze della Nato che vanno a proteggere la popolazione libica, ma le forze di una coalizione di undici Paesi, tra cui due Paesi arabi". Per Sarkozy, dunque, "le decisioni sono prese dal coordinamento politico. Le missioni della Nato avverranno sulla base di obiettivi proposti da un coordinamento politico a più alto livello".

 

"Abbiamo salutato in modo positivo la decisione di affidare il comando dell'operazione in Libia alla Nato - ha dichiarato il ministro degli Esteri, Franco Frattini, a Tunisi, in visita con il ministro degli Interni Roberto Maroni, per incontri bilaterali legati alla crisi sull'immigrazione -. E' quello che volevamo fin dall'inizio e anche i paesi arabi erano della stessa opinione e anche la Turchia. E' un risultato importante".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Non ci sarà nessuna cabina di regia operativa - ha spiegato inoltre Frattini - ma un gruppo di contatto politico, che inizierà a lavorare martedì a Londra e a cui parteciperò anch'io". L'Italia dice tuttavia no ad un coordinamento 'politico' degli Stati della coalizione guidato dai francesi. Per Roma, secondo fonti diplomatico, l'unica soluzione è un largo consenso multilaterale "senza che ci siano personalismi o atteggiamenti" diversi dallo scopo umanitario della missione.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -