Lombardia, raccolte firme delle regionali. I Radicali contro Formigoni

Lombardia, raccolte firme delle regionali. I Radicali contro Formigoni

Lombardia, raccolte firme delle regionali. I Radicali contro Formigoni

MILANO - I Radicali contro Roberto Formigoni. L'esponente radicale Marco Cappato ha reso noto il risultato di una perizia calligrafica affidata dal suo partito a un perito calligrafico iscritto al tribunale di Milano sostenendo la falsità di almeno 349 firme, "fatte dalle stesse mani a gruppi di 3, di 5, di 10, in alcuni casi addirittura di 21 firme", sui moduli di sottoscrizione della lista elettorale "Per la Lombardia" di Roberto Formigoni alle scorse elezioni regionali.

 

"E' una stima molto prudente perché il controllo è ancora in corso", ha affermato Cappato, il quale ha invocato le dimissioni del governatore della Lombardia. "Crediamo che un presidente che certamente non poteva non sapere di avere centinaia di firme totalmente false perchè apposte dalla stessa mano sui suoi moduli debba dimettersi e che la Lombardia abbia diritto finalmente a libere elezioni", ha aggiunto l'esponente dei Radicali.

 

Annunciando una querela per falso, Cappato ha affermato che saranno contestate "le firme false a ogni livello, sia civile che penale, e questo è l'aspetto formale. Poi c'è la questione politica di un presidente che non poteva non sapere e se anche non lo sapeva credo che sia impossibile che dopo non sia stato avvertito". Il 28 ottobre è fissata l'udienza che dovrà decidere sull'archiviazione dell'indagine aperta sulla precedente denuncia dei radicali, che contestavano la validità di 2mila firme sempre a sostegno della lista di Formigoni.       

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -