Lotta all'Aids, vaccino sperimentale riduce il rischio del 31%

Lotta all'Aids, vaccino sperimentale riduce il rischio del 31%

Lotta all'Aids, vaccino sperimentale riduce il rischio del 31%

Nuovi confortati sviluppi nella lotta contro l'Aids. Esisterebbe, infatti, un vaccino sperimentale che ridurrebbe il rischio di infezione da virus Hiv di oltre il 31%. Il risultato, illustrato nel corso di una conferenza stampa a Bangkok assieme a ufficiali medici militari americani, deriva da uno studio condotto su 16mila volontari effettuato in Thailandia. Questa "è la prova che è possibile avere un vaccino preventivo sicuro ed efficace", ha detto il colonnello Jerome Kim.

 

Il direttore dell'istituto, il dottor Anthony Faucy, ha precisato che esiste un "cauto ottimismo sulla possibilità di migliorare questo risultato". Lo studio si è basato sulla combinazione di due vaccini: il primo aumenta l'immunità agli attacchi dell'Hiv, mentre il secondo rafforza la risposta dell'organismo. Si tratta dell'Alvac, della Sanofi Pasteur, e dell'Aidsvaz, sviluppato inizialmente dalla VaxGen e poi dalla no profit Global Solutions for Incectious Diseases.

 

I volontari che hanno partecipato al test sono stati seguiti per tre anni, al termine della vaccinazione. Dai risultati è emerso che nuove infezioni sono state registrate in 51 casi tra le 8.197 persone a cui sono stati somministrati i farmaci e in 74 tra le 8.198 che hanno invece ricevuto il placebo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -