Manovra, il testo all'esame del Quirinale

Manovra, il testo all'esame del Quirinale

Manovra, il testo all'esame del Quirinale

ROMA - "Il testo della manovra economica, già firmato dal Presidente del Consiglio, è ora al Quirinale in attesa della valutazione del Capo dello Stato". Lo comunica una nota di palazzo Chigi che di fatto smentisce quanto affermato in precedenza da Silvio Berlusconi il quale, ai cronisti che gli chiedevano se avesse firmato il provvedimento, aveva risposto: "E' all'attenzione del capo dello Stato. Viene firmata quando il Colle darà la sua valutazione".

 

Dura la presa di posizione del segretario del Pd, Pierluigi Bersani, che ha definito la manovra come il "frutto amaro e ingiusto di due anni di bugie e menzogne e di una politica economica dissennata che ci ha portato fuori binario nella spesa corrente, che ci ha ridotto gli investimenti e quindi abbassato la crescita e che non ha tenuto i conti a posto come si è visto. E adesso si ripropone una strada che per noi è sbagliata".

 

Bersani, intervenendo a Sky Tg24, ha parlato di "uno spettacolo inverecondo, non si sa bene cosa il Consiglio dei ministri abbia approvato" e di una situazione "ai limiti estremi del quadro costituzionale". Tutto questo avviene, ha spiegato, perché ci sono "delle differenze, per dirlo con un eufemismo, delle risse penso, dentro al governo e quindi vedremo carte cambiare in questi giorni. Vorrei sapere se ci sono ancora le norme che raddrizzano le procedure della Protezione civile, tanto per fare un esempio dei dieci che si potrebbero fare".

 

E poi Bersani ha lamentato il fatto che "non si spieghi perché dobbiamo fare questa manovra. Non è mica una grandine questa manovra qui.Dire che è l'Europa che ce la chiede è una falsità, l'Europa ci chiede i conti a posto ma se i conti non sono a posto è tutta una responsabilità del governo".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -