Manovra, violento scontro tra Tremonti e Prestigiacomo

Manovra, violento scontro tra Tremonti e Prestigiacomo

Manovra, violento scontro tra Tremonti e Prestigiacomo

ROMA - Violento botta e risposta tra il ministro dell'Economia Giulio Tremonti e quello dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo al termine del Consiglio dei ministri di venerdì mattina. Prestigiacomo ha chiesto conto del miliardo stanziato dal Cipe un anno fa per far fronte ai dissesti idrogeologici, ma ancora bloccato. Alla risposta "Te lo spiego fuori", il ministro dell'Ambiente è esploso in un "Non fare il cretino, non ci trattare da scolaretti".

 

Per tutta risposta Tremonti avrebbe preteso le scuse ventilando in caso contrario le dimissioni. A quel punto la discussione è stata interrotta dal premier Silvio Berlusconi che, nel tentativo di calmare gli animi, ha chiesto al titolare dell'Economia di avere un atteggiamento più ricettivo di fronte alle richieste dei colleghi e alla Prestigiacomo di scusarsi per l'espressione usata. Scuse che sarebbero arrivate da parte del ministro dell'Ambiente, che avrebbe confermato nel merito la sua posizione.

 

Durante questa spiegazione della Prestigiacomo, il titolare via XX Settembre arebbe uscito dalla sala per rientrare solo successivamente. A quel punto Berlusconi avrebbe nuovamente richiamato Tremonti e la vicenda si sarebbe conclusa lì. Poco dopo è arrivata dal ministero dell'Economia ina nota in cui si sottolineava che dal ministro dell'Ambiente Stefania Prestigiacomo non c'è stata "nessuna richiesta di fondi" e che la ricostruzione fornita dei fatti non era verità.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -