Massimo D'Alema: ''Italia contraria alla pena di morte''

Massimo D'Alema: ''Italia contraria alla pena di morte''

ROMA – A 24 ore dalla conferma della condanna a morte dell’ ex dittatore iracheno, Saddam Hussein, cominciano a piovere i primi commenti relativi alla sentenza del giudice della Corte d'appello Arif Shaheen.

Se per la Casa Bianca si tratta di un "un'importante pietra miliare nel cammino verso il futuro dell'Iraq", il ministro degli Esteri, Massimo D’Alema, è di tutt’altra opinione dichiarando che un Paese come l’Italia è contrario alla pena di morte. ‘’Il mio non è un discorso certamente in sua difesa – spiega D’Alema - tuttavia io difendo il principio secondo cui la pena di morte non è accettabile e quindi continuo a sperare che questa sentenza non venga eseguita.’’

Il leader dei radicali, Marco Pannella, ha iniziato uno sciopero della fame e della sete per scongiurare la condanna a morte di Saddam.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Saddam era stato riconosciuto colpevole di crimini contro l'umanità per il massacro di 148 sciiti nel villaggio di Dujail, avvenuto negli anni ottanta.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -