Mills, il processo non si azzera

Mills, il processo non si azzera

Mills, il processo non si azzera

MILANO - Il processo Mills, che vede imputato il premier Silvio Berlusconi, non sarà azzerato. Il plenum del Csm a larga maggioranza, con un voto contrario, ha confermato l'applicazione al processo del giudice Francesca Vitale, che è stata intanto trasferita alla Corte d'Appello di Milano. Contro la decisione ha votato il laico del Pdl, Bartolomeo Romano. Al voto non ha partecipato il laico della Lega, Matteo Brigandì. Gli altri tre laici del Pdl si sono astenuti.

Il plenum del Csm ha dunque ritenuto "imprescindibili e prevalenti" le esigenze prospettate dal tribunale di Milano, che aveva chiesto di confermare lo stesso collegio giudicante, che ha già gestito le prime tre udienze del processo, prima della sua sospensione e dell'invio degli atti alla Corte costituzionale. La prossima udienza è fissata l'11 marzo.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -