Minacce Eta, Zapatero risponde: ''Rinunciate alla violenza''

Minacce Eta, Zapatero risponde: ''Rinunciate alla violenza''

MADRID - Il Premier spagnolo Josè Luis Rodriguez Zapatero ha lanciato un ultimo al movimento indipendentista dell’Eta in seguito al comunicato diffuso nella notte dai quotidiani baschi nel quale il gruppo ha annunciato l’interruzione della pace, durata 14 mesi. "L'Eta deve deporre le armi e rinunciare alla violenza" ha dichiarato Zapatero.

''L'Eta ha sbagliato e continua a sbagliare – ha aggiunto il premier – La risposta arriverà dal governo spagnolo, alle forze democratiche e sarà una risposta forte, nella difesa comune dei valori e della democrazia. Verrà usata tutta la forza della legge e dello stato di diritto''.

Zapatero ha affermato di non voler ''sentire altre minacce: va contro il cammino che la Spagna si è prefisso, che è quello della pace". "Il futuro dei baschi – ha concluso - dipenderà da loro stessi e dalla democrazia e dalla forza dello stato di diritto e non dalla violenza terroristica".

Secondo l'Eta, "le condizioni minimali non sono state raggiunte per proseguire il processo di negoziati" portati avanti dal governo socialista spagnolo guidato dal premier Zapatero. L’accusa che viene mossa dall’Eta all’esecutivo è quella di aver interrotto la tregua “continuando con gli arresti, le torture e le persecuzioni".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L’Eta da quarant’anni si batte per l’indipenza dei Paesi Baschi ed è ritenuta responsabile in questo lasso di tempo della morte di almeno 819 persone.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -