Mladic, imminente l'estradizione. Scontri a Belgrado

Mladic, imminente l'estradizione. Scontri a Belgrado

Mladic, imminente l'estradizione. Scontri a Belgrado

ROMA - Radko Mladic, l'ex comandante delle forze serbe in Bosnia, accusato di genocidio e crimini contro l'umanità, potrebbe essere estradato lunedì o martedì alla Corte penale internazionale dell'Aja. Almeno diecimila ultranazionalisti serbi sono scesi in piazza a Belgrado per protestare contro l'arresto. Vi sono stati scontri davanti al Parlamento: un gruppo di alcune centinaia di violenti ha iniziato a lanciare pietre, bastoni e altri oggetti contro gli agenti di polizia.

 

Le forze dell'ordine, in tenuta anti-sommossa, hanno risposto con alcune cariche di alleggerimento per dividere piccoli gruppi più controllabili. Sono un centinaio le persone arrestate. L'avvocato Saljic, legale di Mladic presenterà ricorso contro l'estradizione. Se verrà respinto, come tutto lascia prevedere, per Mladic si apriranno le porte del carcere di Scheveningen.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -