Mondiali in Sudafrica, Al Qaeda minaccia anche l'Italia

Mondiali in Sudafrica, Al Qaeda minaccia anche l'Italia

Il ct della Nazionale, Marcello Lippi

ROMA - Al Qaeda minaccia di colpire la nazionale italiana di calcio durante i mondiali in Sudafrica. Il messaggio, rilanciato dalla rete televisiva Cbs, sarebbe stato diffuso dall'organizzazione al Qaeda nel Maghreb islamico (Aqmi) sull'ultimo numero della rivista online jihadista "Mushtaqun Lel Jannah" (Desiderare il paradiso). Nel mirino dell'organizzazione terroristica, oltre all'Italia, anche le nazionali di Stati Uniti, Inghilterra, Francia e Germania.

 

"Tutte queste nazioni - si legge nel messaggio - fanno parte di una campagna crociato-sionista contro l'Islam". "Che sorpresa sarà quando in un incontro tra Stati Uniti e Inghilterra trasmesso in diretta si sentirà in uno stadio pieno di spettatori il rumore di un'esplosione e ci saranno decine o centinaia di cadaveri", si legge nella nota. La partita tra le nazionali statunitense e inglese, esordio del Gruppo C, sarà giocata nello stadio di Rustenburg il 12 giugno.

 

Il ministro degli Esteri, Franco Frattini, ha conmentato la notizia attraverso la sua pagina personale su Facebook: "Il mondo non tollererebbe una nuova Monaco (il sequestro degli atleti israeliani da parte di un gruppo di terroristi palestinesi alle Olimpiadi del '72, che si concluse con la morte di 17 persone, ndr), la pace che lo spirito olimpico ha affermato ed imposto, di nuovo violata ed insanguinata", ha scritto il titolare della Farnesina.

 

"Non lo tollererebbe l'Africa che cerca in questi mondiali di calcio una conferma di una promessa di opportunità e di sviluppo. Non lo tollererebbero tutti coloro che nel mondo guardano... allo sport come al campo della pace e della conciliazione e che si battono per la democrazia e le libertà", ha concluso.

 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -