Monito di Ruini: no a leggi su Pacs ed Eutanasia

Monito di Ruini: no a leggi su Pacs ed Eutanasia

ROMA – No a leggi su Pacs ed Eutanasia: il cardinale Camillo Ruini, presidente della Conferenza episcopale italiana (Cei) manda così un monito al governo e a chi pare intenzionato, a suo dire, ad elaborare leggi su materie così complesse. ''La volontà del malato, attuale o anticipata o espressa attraverso un suo fiduciario scelto liberamente – ha detto Ruini -, e quella dei suoi familiari, non possono avere per oggetto la decisione di togliere la vita al malato stesso''.


Confermando dunque il suo No all’Eutanasia, Ruini, aprendo i lavori del Consiglio episcopale permanente riunitosi a Roma, ha aggiunto: “Appare dunque una norma di saggezza non pretendere che tutto possa essere previsto e regolato per legge. Sono altrettanto importanti e doverose le terapie che attenuano la sofferenza e una vicinanza affettuosa e costante ai parenti e alle loro famiglie''.


Ruini dunque si distanzia dalle posizioni manifestate dal cardinale Carlo Maria Martini che su 'Il Sole 24ore' aveva mostrato segni di ‘apertura’ sottolineando ''l'esigenza di elaborare una normativa che, da una parte, consenta di riconoscere la possibilità del rifiuto (informato) delle cure, in quanto ritenute sproporzionate dal paziente; dall'altra proteggere il medico da eventuali accuse (come omicidio del consenziente o aiuto al suicidio), senza che questo implichi in alcun modo la legalizzazione dell'eutanasia''.


Sui Pacs Ruini ha fatto notare che per regolarizzare alcuni aspetti della vita delle coppie di fatto e' possibile provvedere attraverso una modifica del Codice civile, non e' necessario quindi ''creare un modello legislativamente precostituito, che inevitabilmente configurerebbe qualcosa di simile a un matrimonio''.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ruini ha definitivamente bocciato l'ipotesi di un provvedimento legislativo sulle coppie di fatto e ha chiesto che qualsiasi modifica avvenga attraverso il codice civile. ''La legislazione e la giurisprudenza attuali - ha osservato il cardinale - gia' assicurano la protezione di non pochi diritti delle persone dei conviventi, e pienamente dei diritti dei figli''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -