''Monsignor Padovese vittima di un omicidio rituale islamico''

''Monsignor Padovese vittima di un omicidio rituale islamico''

Monsignor Luigi Padovese-2

MILANO - Monsignor Luigi Padovese potrebbe esser stato assassinato nell'ambito di un omicidio rituale islamico. E' quanto sostiene AsiaNews, agenzia del Pontificio Istituto Missioni Estere. "Testimoni - scrive AsiaNews - affermano di aver sentito il vescovo gridare aiuto. Ma ancora più importante, è che essi hanno sentito le urla di Murat subito dopo l'assassinio". Secondo le fonti citate dall'agenzia, è salito sul tetto della casa è ha gridato: "Ho ammazzato il grande satana.Allah Akbar".

 

Secondo Asia News, il grido "coincide perfettamente con l'idea della decapitazione, facendo intuire che essa è come un sacrificio rituale contro il male. Ciò mette in relazione l'assassinio con i gruppi ultranazionalisti e apparentemente fondamentalisti islamici che vogliono eliminare i cristiani dalla Turchia". Sempre secondo l'agenzia del Pontificio Istituto Missioni Estere "la presunta insanità del 26enne che da oltre quattro anni viveva a fianco del vescovo è ormai indifendibile".

 

Secondo voci nella polizia inoltre, sembra che Murat abbia offerto una nuova giustificazione del suo gesto: monsignor Padovese sarebbe un omosessuale e lui, Murat, 26 anni, sarebbe la vittima, "costretta a subire abusi". E Ruggero Franceschini, vescovo di Smirne, che ha celebrato i funerali di monsignor Padovese lunedì a Iskanderun lo ha definito "un martire".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -