Monti al Senato: "Se falliremo l'Italia sarà costretta a condizioni più dure"

Monti al Senato: "Se falliremo l'Italia sarà costretta a condizioni più dure"

Monti al Senato: "Se falliremo l'Italia sarà costretta a condizioni più dure"

La definisce "una missione non facilissima" quella che il governo avrà di fronte nei prossimi mesi. Il neo presidente del consiglio, Mario Monti, ha parlato questa mattina al Senato per illustrare le intenzioni del suo gabinetto, annunciato ieri al mondo. Rigore, crescita ed equità sono le parole d'ordine che guideranno l'azione dell'Esecutivo del presidente della Bocconi.

 

Monti non ha rinunciato a fare un richiamo alla resopnsabilità del parlamento, spiegando che questa è una missione che non può non andare a buon fine. "Se falliremo, se non raggiungeremo le riforme che servono - ha detto -, saremo tutti sottoposti a condizioni ben più dure".

 

Il neo capo del governo, ha spiegato che "abbiamo degli obiettivi ambiziosi sul pareggio di bilancio e sul rapporto debito-pil ma non saremo credibili nel perseguimento di tali obiettivi se non ricominceremo a crescere".

 

Il governo metterà mano anche al sistema delle pensioni, oggi viziato "da ampie disparità di trattamento tra generazioni, categorie e aree di privilegi".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -