Napoli, De Magistris scioglie le riserve: ''Mi candido a sindaco''

Napoli, De Magistris scioglie le riserve: ''Mi candido a sindaco''

Napoli, De Magistris scioglie le riserve: ''Mi candido a sindaco''

NAPOLI - Luigi De Magistris si candida a sindaco di Napoli con una lista civica. L'ex pubblico ministero ed europarlamentare dell'Italia dei valori ha annunciato la sua decisione in una conversazione con il direttore di Micromega, Paolo Flores d'Arcais. "Ci ho pensato molto e mi ha convinto la mobilitazione sociale di questi giorni con il mondo dei movimenti e con tutta quella parte dei partiti che ha voglia di cambiare", ha affermato il dirigente dell'Idv.

"Non era mia intenzione dare la mia disponibilità, ma dopo il pantano delle primarie a Napoli, dalle quali il centrosinistra è uscito più disastrato di prima, da parte della società civile è venuta una grande sollecitazione affinché potessi rappresentare una sorta di uscita di emergenza democratica", ha affermato De Magistris.

 

L'obiettivo dell'ex pm è "una candidatura solida, con persone dalla schiena dritta, a un programma partecipato che non cali dall'alto, ma che superi una stagione del centrosinistra e che segni una rottura, un cambiamento per una Napoli con più diritti e più cultura in cui si apra una nuova stagione politica".

 

Quindi ha lanciato un appello ai napoletani, ma anche a tutto il centrosinistra e al Pd in particolare affinché "non considerino la mia una candidatura di partito". "Questa scelta rischia di lacerare la coalizione", ha affermato il commissario provinciale del Pd di Napoli, Andrea Orlando, secondo il quale è "un errore non investire la coalizione della scelta dopo che con grande fatica si era chiesta responsabilità a chi si era sottoposto al voto cittadino".

 

Orlando non lascia spazio alla possibilità di una convergenza del Pd sul nome di de Magistris: "Non sarebbe una convergenza ma un diktat che il Pd dovrebbe subire. Avevamo proposto all'Idv di scegliere insieme una personalità al di sopra dei partiti che ricomponesse le divisioni, ma la risposta non è stata all'altezza della sfida che abbiamo di fronte, perché mette tutti in una situazione che oggettivamente rompe la coalizione".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -