Napolitano, appello alla politica: ''Serve più serenità''

Napolitano, appello alla politica: ''Serve più serenità''

ROMA – Si è aperto con un accorato appello al mondo politico italiano il primo discorso di fine anno del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Il Capo dello Stato si è rivolto prima ai protagonisti della vita politica nazionale. “Le divisioni fanno naturalmente parte della competizione democratica – ha detto Napolitano - ma forte è il bisogno di un clima più sereno e costruttivo. Se la politica diventa un continuo gridare, un gareggiare a chi alza di più i toni, ne soffrono le istituzioni, a cominciare dal parlamento, e ne soffre il rapporto con i cittadini”.


Cittadini che rischiano di “allontanarsi dalla politica” perché “nel frastuono generale non si possono nemmeno più cogliere bene le proposte” delle forze politiche in campo. Napolitano però a fatto appello ai cittadini, affinchè non si allontanino dalla politica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Non allontanatevi dalla politica – ha detto il presidente -, partecipatevi in tutti i modi piossibili, portatevi forze e idee più giovani, contribuite a migliorarla”. Napolitano per esaltare il ruolo della politica ha fatto cenno alla lettera di un 19enne condannato a morte della Resistenza, che diceva “ci hanno fatto credere che la politica è sporcizia, e invece la cosa pubblica è noi stessi”. “Solo dalla politica – ha aggiunto Napolitano - possono venire le scelte generali di cui ha bisogno la collettività”.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -