Napolitano: ''Sento la fiducia di tutti gli italiani''

Napolitano: ''Sento la fiducia di tutti gli italiani''

Napolitano: ''Sento la fiducia di tutti gli italiani''

FIRENZE - "Sento la responsabilità e la fiducia degli italiani di tutte le idee politiche e di tutte le condizioni sociali". Questa la reazione del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, quando è stato accolto dagli studenti universitari nel Salone dei Cinquecento, a Palazzo Vecchio, a Firenze, dove si è svolto una lezione-dibattito con i giovani di alcune scuole fiorentine. Il capo dello Stato è stato accolto da un'autentica tanding ovation e da un lungo applauso.

 

Napolitano ha parlato del suo ruolo, spiegando di fare "quello che posso e che devo fare secondo la Costituzione". Quanto alle Camere, "il Parlamento nazionale non è condannato a sparire e non è destinato a ridursi a un esercizio povero e meschino delle sue facoltà". Riferendosi ai 150 dell'Unità d'Italia, il presidente della Repubblica ha lanciato  un appello alla solidarietà e al confronto tra le idee: "La nostra unità  richiede pluralismo, sussidiarietà. Questo vale anche per l'Europa".

 

E stato anche trattato il capitolo delle riforme. Per l'inquilino del Colle, "per andare verso un sistema delle autonomie che comprenda anche aspetti di federalismo non ci si può limitare al campo fiscale. Occorre anche una Camera delle Regioni e delle Autonomie per corresponsabilizzare i rappresentanti locali e regionali sui problemi del bilancio pubblico".

 

In ogni caso, "restano da misurare gli effetti sociali" dei decreti attuativi del federalismo anche ricorrendo a "correttivi necessari". Quello che è certo è che "se si vuole andare verso un autonomismo che raggiunga anche aspetti di federalismo non ci si può limitare solo all'aspetto fiscale".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -