Napolitano: ''Sulla politica estera non c'è intesa comune''

Napolitano: ''Sulla politica estera non c'è intesa comune''

Napolitano: ''Sulla politica estera non c'è intesa comune''

ROMA - Siamo di fronte "ad uno stato insoddisfacente dell'Unione Europea come soggetto di politica internazionale". E' l'affondo del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, in un videomessaggio al Festival dell'Europa in corso a Firenze. "Stiamo vivendo degli eventi dirompenti carichi di possibilità di incognite nel Mediterraneo, nell'Africa e nel Medio Oriente, e rispetto a questi eventi l'Unione Europea non è riuscita ad esprimere una posizione comune".

 

"Se non c'è preparazione, elaborazione costante e analisi di fronte a crisi improvvise, è difficile che l'Unione europea - ha continuato Napolitano - si trovi pronta con risposte condivise. Il problema è quello di creare condizioni e analisi costanti in modo che si abbiano tutti gli strumenti per poter affermare l'Unione europea come attore, soggetto globale, autonomo e attivo di politica estera e di sicurezza, protagonista  di iniziative indispensabili per garantire la sicurezza comune".

 

Per il capo dello Stato bisogna dirsi con "molta franchezza" che "costruire una politica estera e di sicurezza comune è impresa non meno ardua di quanto sia stata e sia ancora oggi la costruzione e il consolidamento della moneta unica".

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -