Nucleare, il Giappone non si ferma: "Resta un pilastro"

Nucleare, il Giappone non si ferma: "Resta un pilastro"

Nucleare, il Giappone non si ferma: "Resta un pilastro"

L'esito del referendum in Italia non sposta di una virgola la posizione del Giappone sull'energia nucleare, neppure alla luce del disastro di Fukushima. Secondo il ministro dell'Industria di Tokyo, infatti, l'atomo "continuerà a essere uno dei quattro pilastri della politica energetica del Paese". Anche perché, ha spiegato il ministro, "l'erogazione poco flessibile dell'elettricità ha impatti sull'attività economica e la vita delle persone". Insomma, il timore è che senza centrali nucleari non si riesca a dare risposta al fabbisogno energetico.

 

Quello sul nucleare è un dibattito certamente destinato a proseguire ancora per molto, soprattutto in Giappone dove effettivamente lo shock per quanto avvenuto l'11 marzo scorso a seguito dello tsunami. Un evento che ha fatto precipitare l'utilizzo delle centrali mettendo a serio rischio la tenuta energetica del Paese, tanto che si prevedono difficoltà per gestire l'erogazione di energia elettrica durante l'estate. 

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -