Nucleare, Romani: ''Referendum superato''

Nucleare, Romani: ''Referendum superato''

Nucleare, Romani: ''Referendum superato''

ROMA - Il referendum sul nucleare "è superato" e un'eventuale vittoria degli antinuclearisti avrebbe avuto come effetto "di escludere l'Italia dalla possibilità di intervenire con autorevolezza nel dibattito europeo sull'evoluzione della strategia per l'atomo". E' quanto ha detto il ministro dello Sviluppo economico, Paolo Romani, intervenendo al Senato per spiegare i motivi della decisione del governo di bloccare temporaneamente le norme necessarie alla costruzione delle centrali nucleari.

 

"Il quadro di compatibilità nucleare in Italia potrà essere chiaro solo dopo" la riflessione in atto in Europa dopo l'incidente di Fukushima. "Questo è già un motivo ampiamente sufficiente per rinunciare oggi all'impostazione data nel 2009 e a rinviare una decisione così importante al chiarimento complessivo in sede europea", ha evidenziato il ministro, aggiungendo che l'Italia dovrà lavorare per "il nuovo nucleare europeo".

 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono tre i punti che dovrà prevedere il nuovo programma: "la partecipazione nella costruzione dei nuovi standard Ue, la partecipazione a una filiera industriale e uno sforzo scientifico per il nuovo nucleare dell'energia". Nel pomeriggio è passato l'emendamento che ferma il ritorno dell'atomo con 133 sì, 104 no e 14 astensioni.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -