Nuove tensioni tra Berlusconi e Napolitano. Il Pd insorge: "Niente confronto"

Nuove tensioni tra Berlusconi e Napolitano. Il Pd insorge: "Niente confronto"

Nuove tensioni tra Berlusconi e Napolitano. Il Pd insorge: "Niente confronto"

Scoppia la polemica nel dibattito politico dopo le lamentele di Silvio Berlusconi sull'eccessivo rigore con cui gli organismi di garanzia bloccano leggi e limitano il suo potere di Presidente del consiglio. Un nuovo strappo con il Quirinale che ha suscitato le proteste del Capo dello Stato, Giorgio Napolitano, con una telefonata al sottosegretario Gianni Letta. Protesta Anna Finocchiaro, capogruppo del Pd al Senato: "Questo Paese ha certo bisogno di riforme ma non di un potere senza controlli ed equilibri". Ecco perchè i democratici giudicano "difficile pensare a un confronto con chi ha questa concezione della democrazia e delle Istituzioni".

 

Calderoli: "Vedo bene Berlusconi al Colle". "Nel 2013 vedrei bene al Quirinale Silvio Berlusconi''. Lo sottolinea Roberto Calderoli, ministro della Semplificazione normativa, ai microfoni di Sky Tg24, che rilancia: ''In futuro vedo bene Tremonti come primo ministro e, evidentemente, non escluderei un uomo della Lega''.

 

Cicchitto minimizza: "esercizio di fantasia".  In primo luogo, vediamo prima che tipo di riforme facciamo... Stiamo parlando del 2013, tutto va cosi' veloce, programmare un organigramma da qui fino a tre anni, mi sembra francamente un esercizio di fantasia...''. Cosi' ai microfoni di Sky Tg24 il capogruppo alla Camera del Pdl, Fabrizio Ciccchitto, commenta il 'pronostico' del ministro Roberto Calderoli che ''vede nel 2013 Berlusconi al Colle e non esclude un primo ministro leghista''.

Commenti

Notizie di oggi

I più letti della settimana

    -
    -